NUOVI BANDI MePA – LAVORI DI MANUTENZIONI 2016

NUOVI BANDI MePA – LAVORI DI MANUTENZIONI 2016 - STUDIO DOTT. FERRO LUCA

 

BANDI MePA – LAVORI DI MANUTENZIONI 2016

ABILITAZIONE BANDI  MEPA – LAVORI DI MANUTENZIONI (EDILI ED AFFINI) - PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

Consip ha pubblicato i Bandi  "Lavori di Manutenzione"  per importi fino a 1 milione di € (IVA esclusa), riportati nell'allegato scaricabile.

Questo consentirà, alle ditte iscritte ai suddetti Bandi, anche prive di SOA, di:

  • essere scelti direttamente (solo per importi inferiori ad euro 40.000);
  • ovvero essere selezionati ed invitati dai Soggetti Aggiudicatori a partecipare alle procedure di affidamento che verranno indette (Rdo=Richieste dirette di offerta).

L’iscrizione della tua impresa al MePA (attraverso l’inserimento su di un apposito portale Web) rappresenta un’occasione per acquisire LAVORI (per importi fino a € 1.000.000) da erogare a favore della Pubblica Amministrazione, che in virtù della normativa vigente ha dovere/necessità di ricercare i fornitori attraverso detto portale.

L'iscrizione potrà avvenire anche in assenza di specifica SOA per gli importi sotto i € 150.000, in tal caso lo stesso dovrà essere in possesso dei requisiti di cui all’art.90 del D.P.R. n.207/2010. Con riferimento al requisito di cui all’art.90,comma 1 lett. a), per “lavori analoghi” si intendono quelli riconducibili alla categoria SOA indicata come obbligatoria nel presente Capitolato d’oneri dei vari bandi.

Adeguare le imprese ai nuovi sistemi di acquisto dematerializzato della Pubblica Amministrazione sarà un passaggio imprescindibile a cui tutti gli Operatori Economici saranno chiamati; con il nostro aiuto potrete trasformare questa “necessità” in un’opportunità di crescita.

Risulta pertanto improrogabile l'iscrizione al MePA al fine di poter cogliere nuove commesse degli Enti Pubblici, che in virtù della nuova normativa di settore, dovranno obbligatoriamente "passare" tramite Centrali di acquisto.

La nostra offerta di assistenza all'abilitazione al MePA e successiva gestione, rappresenta una conveniente proposta che di sicuro troverà il tuo interesse (vedi allegato scaricabile).

 

PER MAGGIORI INFORMAZIONI SULLA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA TELEFONARE AL CELL. 339-2809928  O INVIARE E-MAIL: info@ferroluca.it

 

 

POR FESR 2014-2020 - Attività 2.3.a.2 - Strat. Area interna "Futuro Alta Carnia"

POR FESR 2014-2020 - Attività 2.3.a.2 - Strat. Area interna "Futuro Alta Carnia" - STUDIO DOTT. FERRO LUCA

 

CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO ALLE IMPRESE PER INVESTIMENTI TECNOLOGICI NELLE AREE PRODUTTIVE DELLA UTILIZZAZIONE DEL LEGNO E DELL’INDUSTRIA AGROALIMENTARE

 

L’intensità del contributo è pari al 70% della spesa ammissibile a titolo “de minimis”.

 

Si tratta di un'azione di supporto della competitività ed innovazione tecnologica delle PMI, con sede legale od unità operativa sita nell’area interna Alta Carnia, operanti nei settori dell'agroalimentare e della filiera bosco – legno, che caratterizzano l’area progettuale dell’Alta Carnia.

 

COMUNI IN CUI DEVE ESSERE PRESENTE LA SEDE LEGALE E/O OPERATIVA:

Ampezzo, Arta Terme, Cercivento, Comeglians, Forni A voltri, Forni di Sopra, Forni di Sotto, Lauco, Ligosullo, Ovaro,Paluzza, Paularo, Prato Carnico, Preone, Ravascletto, Rigolato, Sauris, Socchieve, Sutrio, Treppo Carnico e Zuglio.

 

CHI PUÒ PRESENTARE DOMANDA

 
Possono presentare domanda in forma singola e beneficiare degli aiuti le PMI (Allegato I al regolamento (UE) n. 651/2014) dell’area interna regionale “Alta Carnia” che:
 
a) svolgono attività del settore agroalimentare, con esclusione delle imprese agricole, come individuate dai codici ISTAT ATECO 2007;

 

b) svolgono attività di trasformazione del legno od utilizzazione dei prodotti in legno, con esclusione dell’utilizzazione boschiva, prima trasformazione e produzione di materiale legnoso combustibile, per quanto attiene alla filiera foresta – legno, come individuate dai codici ISTAT ATECO 2007.

 

PROGETTI AMMISSIBILI

Sono ammissibili i progetti di investimento che, utilizzando i mutamenti della tecnologia al fine dell’aumento della competitività aziendale e/o della capacità produttiva, della redditività e dell'impatto ambientale delle imprese, mirano a:
 
-creare un nuovo stabilimento o;
-ampliare la capacità di uno stabilimento esistente o
-diversificare la produzione e/o i servizi di uno stabilimento
-comportare un cambiamento del processo produttivo complessivo di uno stabilimento esistente.
 
Sono ammissibili le seguenti spese:

a) acquisto di macchinari, impianti, strumenti, attrezzature, sensoristica e programmi informatici;

b) acquisto di hardware e beni immateriali quali software e licenze d’uso, funzionali all’u tilizzo dei beni di cui alla lettera a);
 
c) acquisizione di servizi specialistici e di consulenza tecnologica e informatica per la pianificazione dei processi di riorganizzazione e ristrutturazione aziendale connessi ai progetti di investimento forniti da imprese iscritte al Registro delle imprese, da liberi professionisti e da lavoratori autonomi in possesso di adeguata qualificazione ed esperienza professionale nello specifico campo di intervento. I servizi di consulenza potranno essere resi altresì da università ed enti di ricerca [nel limite del 20% della spesa ammessa di cui alle lettere a) e b)];
 
d) realizzazione delle opere edili di adeguamento dello stabilimento, purché strettamente ricollegate all'investimento cui alle lettere a), c) e d) del comma 4 dell’articolo 5 del Bando [nel limite complessivo, per le voci d) ed e), del 30 % della spesa ammessa];
 
e) realizzazione delle opere impiantistiche necessarie all'installazione e collegamento dei macchinari, attrezzature, apparecchiature e sistemi acquistati cui alle lettere a), c) e d) del comma 4 dell’articolo 5 del Bando [nel limite complessivo, per le voci d) ed e), del 30 % della spesa ammessa];
 
f) realizzazione delle opere impiantistiche necessarie all'installazione e collegamento dei macchinari, attrezzature, apparecchiature e sistemi acquistati cui alla lettere b) ed e) del comma 4 dell’articolo 5 del Bando [nel limite del 30 % della spesa ammessa].

 

Il progetto di investimento può essere avviato a partire dal giorno successivo alla presentazione della domanda.
In deroga a quanto sopra, sono considerate ammissibili anche le spese sostenute a partire dal 1° marzo 2016, se non costituiscono la totalità delle spese complessive per la realizzazione del progetto di investimento, la cui conclusione deve essere comunque successiva alla data di presentazione della domanda (articolo 6, comma 6 del Bando).

 

INTENSITA' CONTRIBUTO A FONDO PERSO - REGIME DI "DE MINIMIS"

il contributo concesso è pari al 70% della spesa ammessa (con il limite del "de minimis" triennale per azienda)

I contributi sono concessi contributi in conto capitale  in osservanza delle condizioni prescritte dal Regolamento (UE) 1407/2013.
Il limite massimo di contributo concedibile per ciascuna domanda è pari a 200.000 euro.

  Il limite minimo di spesa ammissibile è pari a:

 - 20.000,00 euro, nel caso in cui il richiedente è una microimpresa;

 - 30.000,00 euro, nel caso in cui il richiedente è una piccola impresa od una media impresa.

 

PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE E CONCESSIONE DEI CONTRIBUTI

La domanda potrà essere presentata   fino alle ore 12:00:00 di giovedì 16 novembre 2017

 

 

Se interessati contattare Dott. Ferro Luca   cell 3392809928

Bandi INAIL 2016 - Risultati Studio Ferro dott. Luca

BANDO INAIL - ISI 2016 - ISI AGRICOLTURA

I risultati ottenuti: la vera garanzia di professionalità 

Aziende che hanno superto il Click day affiancate dal nostro studio:

19 aziende di cui

ISI 2016 INVESTIMENTI

n° 13 su 25 ammesse = 52 %

ISI 2016 AMIANTO 

n° 2  SU 2 CHE LO STUDIO GESTIVA  (100%)

ISI AGRICOLTURA 2016

n° 4 su 12 ammesse = 33 %